Lo sport in Teatro: la storia di Ondina Valla, oltre ogni ostacolo.

E’ andata in scena al Centro Culturale Asteria di Milano, la prima teatrale della storia sportiva di questa straordinaria atleta, insieme ad uno spaccato storico degli anni ’30, con aneddoti, curiosità e brevissimi rari inserti filmati dell’epoca. Sul palco, a stilizzare la storia, un ostacolo , rappresentativo della sua specialità tecnica, gli 80 metri ad ostacoli. Una vittoria olimpica, quella di Ondina, ma anche affermazione ed emancipazione del genere femminile, sullo sfondo di un’Italia nel pieno dei conflitti mondiali e del regime della dittatura.

La protagonista si racconta , in un monologo vivace e convincente tra Donna e Atleta: un binomio che nel passato ha destato clamori e disapprovazione. Gareggiare era correre per vincere, allenarsi fino allo sfinimento, avere dei rivali che erano anche i compagni di squadra (l’amica-rivale Claudia Testoni, anch’essa atleta di spicco negli anni 30); gareggiare era anche vincere, avere dei riconoscimenti che permettevano di emanciparsi dalla famiglia, da ogni tipo di legame, dai ruoli sociali. Gareggiare era superare ogni ostacolo, nelle competizioni come nella vita.

La regia e la scrittura originale dell’opera, sono di Lisa Capaccioli, giovanissima e già premiata come artista di confermato talento. L’attrice sul palco è Lorenza Fantoni, che ha dato corpo al personaggio, caratterizzandolo con dinamicità anche fisica, ed un effluvio verbale sempre accattivante. Entrambe le artiste si sono formate alla scuola teatrale di Giorgio Strehler di Milano.

QUANDO

Lunedì 4 Aprile 2016 ore 10

DOVE

Centro Culturale Asteria  - Piazzale Francesco Carrara, 17 – Milano

COSA

Spettacolo teatrale scritto e diretto da Lisa Capaccioli con Lorenza Fantoni

 

GALLERY